logo calabriaortodossa new

 

Login



LA REGISTRAZIONE non comporta NESSUN OBBLIGO o l'invio di materiale pubblicitario. La Vs iscrizione contribuirà a MANTENERE IN VITA IL PORTALE.

Seleziona la tua lingua

Chinese (Simplified) English French German Greek Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish

 

Seguici anche su

twitter-logo60x60icon t

Twitter

facebook icon60x60facebook iconface icon

Facebook

 

 


Designed by Domenico Oliveri Copyright 2011-2018
Il presente portale web è segnalato da:

L'educazione dei figli E-mail
Scritto da San Giovanni Crisostomo   
Martedì 13 Novembre 2012 00:00

giovanni crisostomo 1 

 

testimonial-virgolette su E gli lasci cadere la chioma all'indietro secondo l'uso di una fanciulla, rendendo subito effeminato il fanciullo ed infiacchendo il vigore della natura, istillando in lui fin dall'inizio l'amore delle ricchezze ed inducendolo ad appassionarsi delle cose vane testimonial-virgolette giu

separatore

i 1 mdl figlioletto è appena nato. Ogni cosa macchina il padre non per dirigere rettamente la sua vita, ma per abbellirlo e circondarlo di ori e di vesti.

Perché mai fai questo, o uomo? E sia: indossa pure tu queste cose; ma perché allevi in queste il bambino, che non ha ancora fatto esperienza di questa pazzia? Per quale motivo gli metti un ornamento intorno al collo?

C'è bisogno di un diligente pedagogo per guardare il fanciullo, non d'oro.

E gli lasci cadere la chioma all'indietro secondo l'uso di una fanciulla, rendendo subito effeminato il fanciullo ed infiacchendo il vigore della natura, istillando in lui fin dall'inizio l'amore delle ricchezze ed inducendolo ad appassionarsi delle cose vane.

Perché rendi per lui più grande la minaccia? Perché lo spingi ad appassionarsi delle cose corporali?

"Se un uomo ha la chioma, dice, è un disonore per lui". Non lo vuole la natura. Non lo permise Dio. La cosa è vietata. È opera di superstizione greca.

Molti poi attaccano oggetti d'oro anche alle orecchie: volesse il cielo che neppure le donne si dilettassero di queste cose, mentre voi estendete la vergogna anche ai maschi.

Forse molti ridono di ciò che è stato detto, come se si trattasse di cose insignificanti. Non sono tali, ma anzi molto importanti.

Una fanciulla educata nella stanza materna ad appassionarsi all'ornamento muliebre, quando abbandonerà la casa paterna sarà astiosa e difficile col suo sposo e più esigente degli esattori delle imposte.

Già vi dissi che di qui nasce il male difficilmente estirpabile, che nessuno pensa ai figli, che nessuno parla loro della verginità, nessuno della moderazione, nessuno del disprezzo delle ricchezze e della gloria, nessuno di ciò che è annunziato nelle Scritture.

Quando dunque i figli sono privi di maestri fin dalla prima età, che cosa diventeranno? Se infatti al cuni allevati sin dal seno materno ed educati sino alla vecchiaia non camminano ancora rettamente, coloro che sin dagli esordi della loro vita sono abituati a questi insegnamenti quale male non commetteranno?

Ora ciascuno si dà ogni cura per educare i propri figli nelle arti, nelle lettere e nell'eloquenza, mentre nessuno ha la minima preoccupazione di questo, di formare la loro anima.

Non cesso di esortarvi e di pregarvi e di supplicarvi, perché prima di ogni altra cosa educhiate finora i vostri figli.

Infatti se tu hai cura del figlio, lo mostri di qui ed in più hai pure una ricompensa.

Ascolta Paolo che dice: "Se rimarranno nella fede, nell'amore e nella santità con moderazione". Anche se tu hai coscienza di avere in te stesso innumerevoli mali, procura ugualmente qualche conforto ai tuoi mali.

Alleva un atleta per Cristo. Non dico questo: distoglilo dal matrimonio, mandalo nei luoghi solitari ed avvialo a scegliere la vita dei monaci. Non dico questo. Lo vorrei certo e mi augurerei che tutti la scegliessero, ma poiché sembra essere un peso, non voglio costringere.

Alleva un atleta per Cristo e, mentre è nel mondo, educalo pio sin dalla prima età.

 

logo calabriaortodossa new
 

© Copyright

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Giugno 2018 18:15
 
{alt}