logo calabriaortodossa new

 

Login



LA REGISTRAZIONE non comporta NESSUN OBBLIGO o l'invio di materiale pubblicitario. La Vs iscrizione contribuirà a MANTENERE IN VITA IL PORTALE.

Seleziona la tua lingua

Chinese (Simplified) English French German Greek Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish

 

Seguici anche su

twitter-logo60x60

Twitter

facebook icon60x60

Facebook

 


Designed by Domenico Oliveri Copyright 2011-2017
Il presente portale web è segnalato da:

19. Appendice II: Elenco dei vescovi di Aquileia, Ravenna e Roma E-mail
Scritto da Giovanni S. Romanides   
Martedì 02 Luglio 2013 00:00

san paolo fuori mura 1 

 

© L'elenco che viene riportato fornisce un'evidente prova della franco-germanizzazione di tre significative sedi episcopali. Si noti come nel VII e nell'VIII secolo la provenienza dei papi sia distribuita tra le varie zone della Romània (Napoli, Grecia, Campa­nia, Antiochia, Siria, Sicilia, ecc.). Dal 772 si constata un ir­rigidimento nella procedura di nomina. I papi, tranne qualche ec­ce­zione, sono tutti di Roma. Questa caratteristica perdura lungo tutto il X secolo. Tuttavia, alla fine di questo periodo avviene una svolta: i papi cominciano ad essere franco-germanici. Così da una situa­zione di normalità, con vescovi eletti dalla Romània, si passa ad una situazione di chiusura come davanti ad un pericolo. La svolta avviene improvvisamente dal 996 in poi. Nelle altre due sedi questo processo è quasi contemporaneo. Stesso fenomeno avviene in Italia Meridionale dove man mano che i Franchi avanzano impongono alla cristianità locale – in toto "greca" – vescovi non tanto genericamente "latini" quanto franchi di sangue, dall' Arnoul (cugino del Conte Ruggero), eletto vescovo di Reggio, al Walter of the Mills (precettore dei principi normanni), eletto vescovo di Palermo. Ugualmente il fulmineo impianto del monachesimo latino non fu affidato a monaci genericamente benedettini, ma a benedettini fatti venire apposta da Marmoutier o da Colonia. L'Autore mostra che tale bru­sco cambiamento è stato operato grazie all'imposizione e alla forza d'una tirannica minoranza di invasori che hanno così creato una frattura tra la base ecclesiale e i vescovi che avrebbero dovuto rap­presentarla. Essi, generalmente, rappresentarono l'autorità politica straniera che li costituì.

 

I dati nella tabella sono tratti da:

- Stato personale e locale dell'Arcidiocesi di Udine, Arti grafiche friulane, Udine 1977, pp. 30-31.

- Felix Ravenna, IV serie, fasc. 1/2, 1984 - 1/2, 1985, pp. CXXVII-CXXX.

- Annuario Pontificio, Libreria editrice vaticana, Città del Vaticano 1997, pp. 10*-16*.

 

Secolo VII

(Aquileia)

Severo (586-607); Marciano (607-610); Giovanni (607-619); Fortunato (?); Felice (?); Giovanni II (?); Giovanni III (?).

(Ravenna)

Mariniano (595-606); Giovanni (607-625); Giovanni (625-631); Bono (631-642); Mauro (642-671); Reparato (671-677); Teodoro (677-691).

(Roma)

Gregorio I di Roma (590-604); Sabiniano di Blera (604-606); Bonifacio III di Roma (607-607); Bonifacio IV della Marsica (608-615); Adeodato I di Roma (615-618); Bonifacio V di Napoli (619-625); Onorio I della Campania (625-638); Severino di Roma (640); Giovanni IV di Dalmazia (640-642); Teodoro I di Grecia (642-649); Martino I di Todi (649-655); Eugenio I di Roma (654-657); Vitaliano di Segni (657-672); Adeodato II di Roma (672-676); Dono di Roma (676-678); Agatone di Sicilia (678-681); Leone II di Sicilia (682-683); Benedetto II di Roma (684-685); Giovanni V di Siria (685-686); Conone (686-687).

Secolo VIII

(Aquileia)

Pietro (692-715); Sereno (715-730); Callisto (730-756); Sigualdo (756-787).

(Ravenna)

Damiano (692-708); Felice (709-725); Giovanni (726-744); Sergio (744-769); Leone (770-777).

(Roma)

Sergio I di Siria (687-701); Teodoro (687); Pasquale (687); Giovanni VI di Grecia (701-705); Giovanni VII di Grecia (705-707); Sisinnio di Siria (708); Costantino di Siria (708-715); Gregorio II di Roma (715-731); Gregorio III di Siria (731-741); Zaccaria di Calabria (741-752); Stefano II di Roma (752-757); Paolo I di Roma (757-767); Stefano III di Sicilia (768-772); Filippo (768).

Secolo IX

(Aquileia)

Paolino II (787-802); Orso I (802-811); Massenzio (811-838); Andrea (838-850); Venanzio (850); Teodemaro (850); Lupo I (?); Valperto (877).

(Ravenna)

Giovanni (777-784); Grazioso (785-789); Valerio (789-810); Martino (810-818); Petronace (819-837); Giorgio (838-846); Deusdedit (846-849); Giovanni VII (850-878); Romano di Calcinara (878-888); Domenico Ublatella (889-897).

(Roma)

Adriano I di Roma (772-795); Leone III di Roma (795-816); Stefano IV di Roma (816-817); Pasquale I di Roma (817-824); Eugenio II di Roma (824-827); Valentino di Roma (827); Gregorio IV di Roma (827-844); Sergio II di Roma (844-847); Giovanni I (844); Leone IV di Roma (847-855); Benedetto III di Roma (855-858); Anastasio il Bibliotecario (855); Niccolò I di Roma (858-867); Adriano II di Roma (867-872); Giovanni VIII di Roma (872-882); Marino I di Gallese (882-884); Stefano V di Roma (885-891); Adriano III di Roma (884-885); Stefano V di Roma (885-891); Formoso di Roma (891-896); Bonifacio VI di Roma (896); Stefano VI di Roma (896-897); Romano di Gallese (897); Teodoro II di Roma (897).

Secolo X

(Aquileia)

Federico (900-921); Leone (921-928); Orso II (928); Lupo II (944); Enghelfredo (963); Rodoaldo (963-983); Giovanni IV (984-1019).

(Ravenna)

Giovanni Kailone (898-904); Giovanni da Tossignano (904-914); Costantino (914-926); Pietro (927-971); Onesto (971-983); Giovanni di Besate (983-998); Gerberto d'Aurillac (998-999).

(Roma)

Giovanni IX di Tivoli (898-900); Benedetto IV di Roma (900-903); Leone V di Ardea (903); Cristoforodi Roma (903-904); Sergio III di Roma (904-911); Anastasio III di Roma (911-913); Landone di Sabina (913-914); Giovanni X di Tossignano (914-928); Leone VI di Roma (928); Stefano VII di Roma (928-931); Giovanni XI di Roma (931-935); Leone VII di Roma (936-939); Stefano VIII di Roma (939-942); Marino II di Roma (942-946); Agapito II di Roma (946-955); Giovanni XII dei conti di Tuscolo (Roma) (955-964); Leone VIII di Roma (965); Benedetto V di Roma (964-966); Giovanni XIII di Roma (965-972); Benedetto VI di Roma (973-974); Bonifacio VIIdi Roma (974); Benedetto VII di Roma (974-983); Giovanni XIV Pietro di Pavia (983-984); Giovanni XV di Roma (985-996); Gregorio V Brunone dei duchi di Carinzia (Sassonia) (996-999); Giovanni XVI Giovanni Filagato di Rossano Calabro (997-998).

Secolo XI

(Aquileia)

Poppone di Carinzia (1019-1042); Everardo di Augusta (1042-1048); Godebaldo di Spira (1049-1063); Rabenger (1063-1068); Sigeardo Cancelliere di Enrico IV (1068-1077).

(Ravenna)

Leone (999-1001); Federico (1001-1004); Etelberto (1004-1014); Ardonoldo di Sassonia (1014-1019); Eriberto (1019-1027); Gebeardo da Eichstätt (1027-1044); Witgero (1044-1046); Unfrido di Mömpelgart Wülfringen (1046-1051); Enrico (1052-1072); Wiberto (1072-1100).

(Roma)

Silvestro II Gerberto d'Aurillac (Alvernia) (999-1003); Giovanni XVII di Roma (1003); Giovanni XVIII di Roma (1004-1009); Sergio IV di Roma (1009-1012); Benedetto VIII Teofilatto dei conti di Tuscolo (Roma) (1012-1024); Giovanni XIX Romano dei conti di Tuscolo (Roma) (1024-1032); Benedetto IX Teofilatto dei conti di Tuscolo (Roma) (1032-1044); Silvestro III di Roma (1045); Benedetto IX (II volta) (1045); Gregorio VI di Roma (1045-1046); Clemente II Suitgero di Morsleben e Honburg (Sassonia) (1046-1047); Benedetto IX (III volta) (1047-1048); Damaso II Poppone di Baviera (1048); Leone IX Brunone dei conti di Egisheim-Dagsburg (Alsazia) (1049-1054); Vittore II Gebeardo dei conti di Dollntein-Hierschberg (Germania) (1055-1057); Stefano IX Federico dei duchi di Lorena (1057-1058); Benedetto X Giovanni di Roma (1058-1059); Niccolò II Gerardo di Chevron (Savoia) (1059-1061); Alessandro II Anselmo di Baggio (Milano) (1061-1073); Onorio II Cadalo, del Veronese (1061-1072); Gregorio VII Ildebrando di Soana (Tuscia) (1073-1085).

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Luglio 2013 09:03
 
{alt}