logo calabriaortodossa new

 

REGISTRATI-190x87
L'iscrizione al sito ti permetterà di accedere alla aree riservate, consultare i numerosi articoli archiviati, la biblioteca digitale e scaricare le preghiere.
 

Login



LA REGISTRAZIONE non comporta NESSUN OBBLIGO o l'invio di materiale pubblicitario. La Vs iscrizione contribuirà a MANTENERE IN VITA IL PORTALE.

Seleziona la tua lingua

Chinese (Simplified) English French German Greek Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish

 

Seguici anche su

twitter-logo60x60

Twitter

facebook icon60x60

Facebook

 


Designed by Domenico Oliveri Copyright 2011-2017
Il presente portale web è segnalato da:

Nascita e significato di "Ortodossia" E-mail
Venerdì 07 Gennaio 2011 00:00

testimonial-virgolette su Ortodossia, dal termine "ortodosso", significa letteralmente "[cor]retta dottrina". [...] Professione della retta fede cristiana, sia essa formulata sul piano concettuale (dottrina) o celebrata nella liturgia della Chiesa (glorificazione) testimonial-virgolette giu

separatore

Gerusalemme

Ortodossia, dal termine "ortodosso", significa letteralmente "[cor]retta dottrina". A questo significato primario, la tradizione ecclesiale ne aggiunge un secondo, complementare al primo: quello di "[cor]retta glorificazione". I due concetti esprimono la medesima realtà, cioè la professione della retta fede cristiana, sia essa formulata sul piano concettuale (dottrina) o celebrata nella liturgia della Chiesa (glorificazione).

A partire dai primi secoli del Cristianesimo il termine "Ortodossia" venne a esprimere, nel linguaggio della Chiesa, l'adesione piena al messaggio evangelico originario di Gesù Cristo, trasmesso dagli apostoli senza aggiunte, né amputazioni né mutazioni. In quanto fedeli a tale messaggio, le Chiese definivano se stesse come Ortodosse.

L'Ortodossia è rappresentata in massima parte da una serie di Chiese Autocefale, che pur essendo in piena Comunione sacramentale e canonica tra loro, agiscono indipendentemente l'una dall'altra. Vi sono poi alcune Chiese autonome e semi-autonome che hanno un notevole grado di autogoverno, ma non possono definirsi autogovernantesi se non altro perché l'elezione del loro Primate viene formalmente approvata dal Sinodo della Chiesa Autocefala da cui dipendono.

 

© Copyright

Ultimo aggiornamento Domenica 02 Novembre 2014 23:05
 
{alt}